x
 Farmacista

 Medico

 Caregiver

 Altro


Esprimi un giudizio da 0 a 10,
dove 0 = estremamente improbabile e 10 = estremamente probabile
0   1   2   3   4   5   6   7   8   9   10


  

Cos'è l’Alzheimer

Alzheimer

La malattia di Alzheimer è una patologia progressiva neurodegenerativa, caratterizzata da un declino cognitivo e fisico irreversibile e da comportamenti anomali.

Rappresenta oggi il 50-80% delle forme di demenza e la sua incidenza aumenta parallelamente alla crescita dell'età media della popolazione. Sebbene possa manifestarsi in persone giovani, la malattia colpisce in genere persone tra i 70 e gli 80 anni di età, con un'incidenza che aumenta esponenzialmente con l'aumento dell'età.

Questa patologia è stata descritta per la prima volta nel 1907 dal dottor Alois Alzheimer.

Gli Effetti

Le persone affette da Alzheimer soffrono principalmente di alterazioni della memoria e dell'orientamento, limitazioni della concentrazione, della capacità di organizzazione e di giudizio, cambiamenti della personalità e, in uno stadio più avanzato, anche di disturbi di percezione, di parola e di deambulazione.

Nello stadio finale vengono compromesse altre funzioni corporali, come la deglutizione o la continenza.

Durante il decorso della malattia i pazienti perdono la propria indipendenza nella gestione della vita quotidiana.

Le Cause

Perdere un certo numero di cellule nervose durante l'invecchiamento è un fenomeno naturale. Nelle persone affette da malattia di Alzheimer questo processo avviene molto più rapidamente, finché il cervello del paziente non funziona più in modo normale.

In rari casi questo disturbo è causato da mutazioni genetiche ereditarie. In questi casi i sintomi insorgono quasi sempre prima dei 60 anni e progrediscono rapidamente. Ad oggi tutte le mutazioni note determinano la sovraproduzione di una proteina che distrugge le cellule nervose.

Nella maggioranza dei casi invece la causa dell'insorgere dell'Alzheimer rimane sconosciuta. Probabilmente è dovuta all'interazione di diversi fattori.

La malattia di Alzheimer tende a colpire persone oltre i 70 anni, con maggior frequenza per le donne e per chi si mantiene sui livelli di istruzione e cultura più bassi.

Stadi della Malattia

L’Alzheimer è una patologia che può avere decorsi molto diversi.

Si manifesta lentamente e progressivamente, accompagnata nel tempo da cambiamenti nell'aspetto e nel comportamento del paziente.

Lo stadio lieve è caratterizzato da alterazioni delle capacità mentali e da sbalzi di umore.

Lo stadio moderato vede l'insorgere graduale di disturbi del comportamento, mentre lo stadio avanzato arriva a determinare problemi fisici e vengono compromesse altre funzioni corporali, come la deglutizione o la continenza.

Tuttavia, il decorso individuale della malattia può essere molto variabile.